Idomeneo

Un nuovo allestimento diretto da Tomáš Netopil con la regia di Davide Livermore

Teatro Regio, venerdì 22 gennaio 2010 ore 20

Il 2010 si apre con Idomeneo, il primo capolavoro serio di Wolfgang Amadeus Mozart, dramma per musica in tre atti su libretto di Giambattista Varesco, dall’omonima tragédie lyrique di Antoine Danchet. L’opera, in scena da venerdì 22 gennaio, conferma una delle linee di indirizzo del Regio: la proposta di grandi titoli al di fuori del repertorio più consueto, scelta artisticamente qualificante, possibile per un Teatro che conti su un pubblico maturo e consolidato. In scena il meglio del panorama internazionale: Matthew Polenzani, Ruxandra Donose, Annick Massis ed Eva Mei. Sul podio dell’Orchestra e Coro del Teatro Regio ci sarà il Maestro Tomáš Netopil; il giovane direttore musicale del Teatro Nazionale di Praga e il regista Davide Livermore tornano a collaborare in un nuovo allestimento – coprodotto con il Teatro Comunale di Bologna – dopo aver dimostrato, nel Ratto dal serraglio del 2006, una particolare sintonia con il teatro di Mozart. Il Maestro del coro è Roberto Gabbiani.

A distanza di ventiquattro anni, torna al Regio Idomeneo, l’opera commissionata nel 1780 dal principe elettore di Baviera  Carl Theodor e andata in scena per la prima volta il 29 gennaio 1781 al Residenzentheater di Monaco. «Dal punto di vista musicale – secondo Massimo Mila – la più bella opera seria del Settecento», Idomeneo fu concepita per l’orchestra di Mannheim, famosa per l’abilità dei suoi strumentisti, ingrediente essenziale che consentì a Mozart di esibire una ricchezza senza precedenti nel trattamento dei fiati. Il giovane compositore diede soprattutto prova di una straordinaria consapevolezza drammaturgica, intervenendo anche nella stesura del libretto e assegnando un ruolo attivo al coro. Idomeneo, re di Creta, suo figlio Idamante, Ilia ed Elettra, figlie di Priamo e Agamennone sono i protagonisti della storia che, narrata in principio da Omero, giunge a noi oggi nella versione di Davide Livermore: «le fragilità umane, il rapporto tra l’uomo e il dio, il mare e i suoi mostri … Mi interessa mettere in scena un’umanità devastata dalla vita, dagli eventi naturali, dalle tempeste, dalle guerre». La vicenda è ambientata a Creta dove i troiani sono prigionieri, tra loro c’è Ilia, innamorata del “nemico” Idamante e da questi ricambiata. Il giovane, convinto che il padre sia sulla via del ritorno, decide di liberare i prigionieri, ma Elettra, innamorata di lui, è contraria. Tutti credono Idomeneo morto in mare a causa di una tempesta, in realtà questi è vivo grazie a una promessa al dio Nettuno: in cambio della salvezza, il sacrificio della prima persona che incontrerà una volta giunto a destinazione: suo figlio Idamante. Idomeneo, disperato, è deciso a salvare il figlio a ogni costo e tenta di farlo partire per Argo con Elettra, ma dagli abissi appare un mostro marino: è Nettuno infuriato. Idamante lo sconfigge e si dichiara pronto alla morte, fortunatamente l’oracolo di Nettuno indica una via per la salvezza: Idomeneo dovrà cedere il trono al figlio che sposerà Ilia. Il dio si placherà e non pretenderà alcun sacrificio.

Nel ruolo di Idomeneo debutta al Regio il tenore statunitense Matthew Polenzani, tra i cantanti più versatili e premiati della sua generazione. Sarà inoltre Alfredo nella Traviata con Natalie Dessay che il Regio porterà la prossima estate a Tokyo. Per la prima volta nel nostro Teatro anche il mezzosoprano romeno Ruxandra Donose, che vestirà i panni di Idamante; il soprano francese Annick Massis sarà Ilia, ruolo in cui saprà esprimere tutto il suo talento; Elettra sarà Eva Mei, uno dei soprani italiani più celebri e amati che torna a Torino in un’opera che conosce bene per aver già ricoperto il ruolo di Ilia. Il consigliere Arbace sarà Alessandro Liberatore, mentre nel corso delle otto recite, dal 22 al 31 gennaio, nei ruoli dei protagonisti si alterneranno José Ferrero (Idomeneo), Lucia Cirillo (Idamante), Yolanda Auyanet (Ilia) e Patrizia Bicciré (Elettra). Le scene dello spettacolo sono di Santi Centineo, i costumi di Giusi Giustino e le luci di Andrea Anfossi.

Idomeneo sarà trasmesso in diretta da Rai-Radio3 il 22 gennaio alle ore 20 e sarà presentato al pubblico da Carla Moreni nell’Incontro con l’Opera che si terrà al Piccolo Regio Puccini mercoledì 13 gennaio alle ore 17.30.

Biglietteria del Teatro Regio, piazza Castello 215 - Tel. 011.8815.241/242 - www.teatroregio.torino.it.

 
Torino, 12 gennaio 2010

Paola Giunti
Capo Ufficio Stampa