La scuola di canto per Voci bianche

Il Coro di voci bianche del Teatro Regio con al centro il maestro Claudio Fenoglio

La nuova Scuola di canto corale per bambini è l’impegno del Teatro Regio, che fiorisce per valorizzare e fare tesoro del lavoro fino a ora svolto con il Coro di Voci bianche del Teatro Regio nato nel 1997. 
«Cantare in coro è un gioco bellissimo da trattare con enorme serietà – afferma il Commissario Rosanna Purchia – per questo motivo, insieme al Direttore artistico Sebastian F. Schwarz, ho deciso di ampliare l’offerta formativa che il Regio porta avanti da anni, e dare il via a una vera e propria Scuola di canto corale con un’attività continuativa che inizierà a marzo con una lezione di circa un’ora alla settimana, ovviamente a distanza e che, non appena l’emergenza sanitaria cesserà, proseguirà con due lezioni in presenza alla settimana».
Il Maestro Claudio Fenoglio ha ideato un programma articolato che abbraccia diversi gradi di complessità: dall’avvicinamento al canto, alla lettura della musica, alla disciplina corale. Al termine del corso, i partecipanti saranno valutati dal Direttore del Coro al fine di proseguire il percorso di formazione artistica, che potrà portare all’ammissione nel prestigioso Coro di voci bianche del Teatro Regio, protagonista di molti concerti e di importanti produzioni operistiche.

Le lezioni a distanza da martedì 2 marzo con le seguenti modalità:
Martedì
16-17.30 Laboratorio Corale
17.30-19 Coro Voci Bianche
Venerdì
16-17.30 Disciplina Corale
17.30-19 Avvicinamento al Canto Corale

La retta per i corsi a distanza nel periodo aprile/agosto 2021 (marzo è il mese di prova gratuita) è la seguente:
Avvicinamento al Canto Corale € 50
Laboratorio Corale € 100
Disciplina Corale € 100
Coro Voci Bianche € 150

Dal mese di settembre, o comunque da quando sarà possibile effettuare le lezioni in presenza, la retta annuale sarà la seguente:

Coro di voci bianche € 300
Corsi preparatori € 250

 

Per informazioni:
Tel: +39 011 8815 227
E-mail

 

Vai al bando

Leggi il comunicato stampa