Boris Godunov

Teatro Regio, Martedì 5 Ottobre 2010 - Domenica 17 Ottobre 2010

Logo Gruppo Fondiaria Sai

Presentazione

Foto di scena'Ivan Groznyi' (Ivan il Terribile) di Sergej M. Ejzestejn (1944)

Sei voti contrari, uno solo favorevole: fu questo il responso del voto del Comitato di lettura del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, quando Modest Musorgskij presentò il suo Boris Godunov tratto dall’omonima tragedia di Puškin che raccontava uno dei periodi più bui della storia russa. L’opera era stata terminata il 15 dicembre 1869 e nel febbraio 1871 era stata bocciata: alla commissione non piacque il fatto che l’opera non avesse un personaggio femminile importante e che ci fosse poca melodia. Musorgskij ritornò a lavorare sull’opera, inserì l’atto polacco con la figura di Marina Mnišek, rielaborò e modificò alcune scene, concludendo il lavoro nel 1872. Nonostante la nuova bocciatura, ormai tutto il mondo dell’opera parlava del Boris e così la nuova versione va in scena il 27 gennaio 1874. Dopo la morte del compositore (1881), Nikolaj Rimskij-Korsakov mise mano alla partitura presentando una sua versione dell’opera – con una nuova orchestrazione e modifiche nella successione delle scene – che divenne quella più eseguita. L’edizione proposta dal Regio si rifà alla prima versione, quella del 1869, con l’aggiunta ai sette quadri originari della scena della foresta di Kromy, che appartiene alla versione 1872.

Dati essenziali

Compositore: Modest Musorgskij
Librettista: Modest Musorgskij
Prima rappresentazione: 1874 San Pietroburgo, Mariinskij Teatr

Allestimenti precedenti:

1910, 1924, 1931, 1946, 1951, 1961, 1972, 1978, 1997