La Cenerentola

Teatro Regio, Martedì 15 Marzo 2016 - Giovedì 24 Marzo 2016

Presentazione

Foto di scenaFoto di scena - Allestimento Malmö Opera

La Cenerentola è uno dei capitoli più paradossali e affascinanti della storia dell'opera buffa, da cui si distacca per alcuni elementi, e in specie per il disegno accuratissimo della protagonista, cui spettano arie virtuosistiche e un carattere di nobiltà, che molti hanno visto più vicini al colore patetico di Elena de La donna del lago, che non agli impeti di Isabella e di Rosina. Ne fa fede l'incantevole canzone larmoyante, Una volta c’era un re, che del personaggio è la carta da visita e il Leitmotiv, nonché profezia del suo amore con il principe, mentre la sua scombinata famiglia appartiene decisamente al mondo della commedia in musica e le sorellastre esibiscono tutto il consueto armamentario di gag, insieme al fool Dandini. L'incantevole libretto di Jacopo Ferretti, ordito rapidissimamente in previsione di un imminente debutto nella stagione di Carnevale del 1817 al Teatro Valle di Roma, sostituiva la progettata Ninetta alla corte, bocciata decisamente dalla censura papale. La trama della celeberrima fiaba di Perrault, più volte rivisitata dal melodramma, diventa qui la base di una pungente riflessione su virtù e amore, in cui l'innocenza trionfa sull'arroganza. La regina Cenerentola perdona tutti i responsabili del suo amaro passato: fu “un sogno, un gioco, il suo lungo palpitar”.

Dati essenziali

Compositore: Gioachino Rossini
Librettista: Jacopo Ferretti
Prima rappresentazione: 1817 Roma, Teatro Valle

Allestimenti precedenti:

1855, 1922, 1937, 1958, 1969, 1972, 1982, 1994, 2004