I puritani

Teatro Regio, Martedì 14 Aprile 2015 - Domenica 26 Aprile 2015

Presentazione

Foto di scenaCharles Landseer: Cromwell alla Battaglia di Naseby nel 1645 (1851)

Dopo l’insuccesso della Beatrice di Tenda, Vincenzo Bellini aveva litigato con il suo librettista Felice Romani. Così, per il libretto della nuova opera commissionatagli – anche grazie all’intercessione di Gioachino Rossini – dal Théâtre Italien di Parigi, scelse il conte Carlo Pepoli. L’11 aprile 1834 scrive allo zio Francesco Ferlito: «Di già ho scelto l’argomento per la nuova opera di Parigi: è dei tempi di Cronwello dopo che questi fece decapitare Carlo I d’Inghilterra… Io sono entusiasta del soggetto, lo trovo proprio da ispirare e martedì, al più tardi, incomincio a scrivere la musica, sperando che il poeta (il conte Pepoli di Bologna) mi dia dei versi». I puritani erano tratti da Têtes rondes et Cavaliers di Ancelot e Saintine, ispirato a sua volta da I Puritani di Scozia di Walter Scott.

L’opera debuttò il 24 gennaio 1835 con uno straordinario successo (alla prova generale aveva assistito lo stesso Rossini). Così il compositore scrisse a Francesco Florimo: «Mi trovo all’apice del contento! Sabato sera è stata la prima rappresentazione dei Puritani: ha fatto furore, che ancora ne sono io stesso sbalordito… Il gaio, il tristo, il robusto dei pezzi, tutto è stato marcato dagli applausi, e che applausi, che applausi ». Il cast era composto da Giulia Grisi (Elvira), Giovanni Battista Rubini (Arturo), Antonio Tamburini (Riccardo) e Luigi Lablache (Giorgio). Il 26 dicembre del 1835 I puritani inaugurarono la stagione della Scala: Bellini era morto tre mesi prima, il 23 settembre. L’opera è rimasta in repertorio grazie a grandi interpreti del ruolo di Elvira come Maria Callas e Joan Sutherland, applauditissime nella scena della follia “O rendetemi la speme”. L’opera divenne la preferita della regina Vittoria che la definì “I nostri cari Puritani”.

Dati essenziali

Compositore: Vincenzo Bellini
Librettista: Carlo Pepoli
Prima rappresentazione: 1835 Parigi, Théâtre Italien

Allestimenti precedenti:

1841, 1852, 1858, 1870, 1877, 1884, 1892, 1922, 1937, 1963, 1973, 1996