Otello

Teatro Regio, Martedì 14 Ottobre 2014 - Martedì 28 Ottobre 2014

Logo di Intesa Sanpaolo

Argomento

Atto I

Durante una tempesta approda a Cipro la nave di Otello, il generale dell’Armata veneta che ha sconfitto la flotta musulmana. Ad attenderlo ci sono la sua sposa Desdemona, l’alfiere Jago e il capitano Cassio. Jago odia il moro perché ha promosso Cassio al suo posto. Roderigo, un gentiluomo veneziano, è invece innamorato di Desdemona. Jago gli promette di aiutarlo a conquistare la donna. Così gli fa credere che anche Cassio sia innamorato di Desdemona. Jago fa bere il capitano che, ubriaco e provocato da Roderigo, ferisce Montano. Otello interviene per sedare la rissa e degrada Cassio. Poi, rimasto solo con Desdemona, ricorda i giorni del loro innamoramento e le dichiara tutto il suo amore.

Atto II

Jago continua a ordire la sua trama contro Otello: convince Cassio a chiedere a Desdemona di intercedere presso Otello affinché gli vengano restituiti i gradi di capitano. Poi instilla sapientemente il dubbio nella mente di Otello: perché Cassio parlava con Desdemona? La conosceva già prima che si sposassero? Otello è turbato e facile preda dei suoi inganni. Così quando Desdemona intercede a favore di Cassio, Otello si adira facendo cadere il fazzoletto che la donna aveva in mano e che lui stesso le aveva donato. Emilia, moglie di Jago, lo raccoglie e Jago se lo fa consegnare: sarà una prova in più per convincere Otello del tradimento della moglie. Rimasto solo con il moro, gli confida di aver sentito Cassio parlare nel sonno del suo amore per Desdemona e giura di aiutare Otello a vendicarsi.

Atto III

Desdemona, all’oscuro di tutto, continua a supplicare il marito perché ridia il grado a Cassio; Otello, furente, le impone di giurare di essere una sposa fedele, poi la scaccia. Jago fa nascondere Otello perché ascolti un suo dialogo con Cassio: l’alfiere riesce a far pronunciare all’ex capitano il nome di Desdemona, così Otello crede che tutta la conversazione riguardi la tresca con sua moglie, mentre Cassio parla di un’altra donna. Quando Cassio mostra il fazzoletto di Desdemona (che Jago aveva nascosto a casa sua) il moro si convince del tradimento. Giunge l’ambasciatore di Venezia: Otello deve rientrare in patria. Otello maledice Desdemona davanti a tutti i convitati e la getta a terra, poi, rimasto solo, sviene, mentre Jago gioisce della propria vittoria.

Atto IV

Desdemona sta per andare a dormire: ha cattivi presentimenti, non capisce perché il suo amato sposo sia così adirato; prega, poi si distende a letto. Arriva Otello, la bacia, le domanda se ha pregato e vuole che confessi l’adulterio commesso con Cassio. La moglie nega ed egli la soffoca. Arriva Emilia e racconta che Cassio ha ucciso Roderigo; la donna scorge Desdemona morente e fugge a cercare soccorso. Nella stanza arrivano l’ambasciatore Loredano, Montano e Jago. Otello confessa che l’ha uccisa perché lo tradiva. Emilia svela che il fazzoletto era stato sottratto da Jago, mentre Cassio dice di averlo trovato a casa sua. Otello capisce di essere stato ingannato da Jago: prende un pugnale, bacia per l’ultima volta l’innocente Desdemona e si uccide.