Il Regio al LAC di Lugano sotto il segno di Puccini

Gianandrea Noseda dirige La bohème in forma di concerto

Martedì 25 Ottobre 2016, ore 20.30

La prima tournée del Regio della Stagione 2016-2017 porterà l’Orchestra e il Coro del Teatro nel prestigioso e nuovissimo LAC – Lugano Arte Cultura – il centro culturale svizzero dedicato alle arti visive, alla musica e alle arti sceniche, uno dei punti di riferimento culturali della confederazione elvetica. Nella sala concertistica da 1000 posti, interamente rivestita in legno e dotata di una speciale conchiglia acustica, Gianandrea Noseda dirigerà La bohème in forma di concerto, con lo stesso cast protagonista della produzione inaugurale dell’opera che ha aperto la Stagione 2016-2017. La bohème, capolavoro della storia dell’opera ed emblema stesso del Teatro Regio, dove Puccini decise di rappresentarla in prima assoluta ben 120 anni fa, trova nella lettura di Gianandrea Noseda nuova luce: «È un’opera difficilissima – afferma il Direttore Musicale del Regio – pochi altri titoli del melodramma italiano hanno questa complessità. È una partitura lavorata in filigrana che mette in moto un perfetto meccanismo teatrale, perseguito con acume, ma delicatissimo. È un’opera che definirei “modernista”, piuttosto che tradizionalista; utilizza di fatto un linguaggio profondamente novecentesco, con una velocità teatrale ed emotiva serrata».

Mimì è il soprano russo Irina Lungu, artista applaudita in tutto il mondo, che con il Regio vanta una stretta collaborazione artistica. Con il suo timbro lirico e adamantino, rende al meglio la fragilità e la poesia del personaggio creato da Puccini. Accanto a lei, il tenore Giorgio Berrugi interpreta Rodolfo. Artista dalle notevoli doti vocali e sceniche, Berrugi è diventato in breve tempo uno dei tenori di riferimento del repertorio pucciniano. Musetta è il soprano Kelebogile Besong, giovane artista sudafricana, vincitrice di diversi concorsi lirici internazionali, molto apprezzata da critica e pubblico per il suo talento e la sua tecnica, che le permettono di affrontare un repertorio che dal Barocco arriva alla musica contemporanea. Marcello è interpretato dal baritono Massimo Cavalletti, cantante dal timbro caldo e generoso, che ha saputo conquistare in poco tempo tutti i più importanti palcoscenici internazionali. Completano il cast: il baritono Simone Del Savio (Schaunard), il basso Gabriele Sagona (Colline), il basso Matteo Peirone (Benoît e Alcindoro), il tenore Sabino Gaita (Parpignol), il basso Mauro Barra (Sergente dei doganieri) e il baritono Davide Motta Fré (Un doganiere). Il Coro del Teatro Regio e il Coro di voci bianche del Teatro Regio e del Conservatorio “G. Verdi” sono istruiti da Claudio Fenoglio

Una serata lirica dalle grandi emozioni, che porterà il capolavoro di Puccini in uno dei centri culturali più prestigiosi d’Europa. Per ulteriori informazioni: www.luganomusica.ch

UFFICIO STAMPA
Teatro Regio, Direzione Comunicazione e Pubbliche Relazioni
Paola Giunti (Direttore), Sara Zago, Paolo Cascio (Relazioni con la Stampa)
Tel: +39 011.8815.233/239 - ufficiostampa@teatroregio.torino.it - giunti@teatroregio.torino.it
zago@teatroregio.torino.it - cascio@teatroregio.torino.it - www.teatroregio.torino.it