I Concerti

Asher Fisch sul podio dell'Orchestra del Teatro Regio

Un concerto dedicato interamente ai poemi sinfonici di Richard Strauss

Teatro Regio, mercoledì 31 maggio 2017 ore 20.30

Mercoledì 31 maggio alle 20.30, Asher Fisch, direttore d’orchestra israeliano, specialista nel repertorio tardo-romantico di matrice tedesca, torna sul podio dell’Orchestra del Teatro Regio per un concerto dedicato a Richard Strauss.

Del grande compositore tedesco vengono interpretati tre poemi sinfonici: Ein Heldenleben (Vita d’eroe), op. 40; Tod und Verklärung (Morte e trasfigurazione), op. 24; Till Eulenspiegels lustige Streiche (I tiri burloni di Till Eulenspiegel), op. 28.

Il concerto inaugura il Progetto Strauss, che proporrà ogni anno, da questa Stagione, i principali lavori operistici e sinfonici di Richard Strauss.

Ein Heldenleben, sesto poema sinfonico di Strauss, completato nel 1898, rappresenta il più fulgido esempio dell’arte dell’orchestrazione da lui raggiunta. Il lavoro contiene più di 30 autocitazioni provenienti da lavori precedenti e racconta, in una sorta di autobiografia in musica, il lungo percorso dell’eroe-compositore, la sua lotta contro i nemici, le grandiose gesta compiute e, infine, il suo ritiro dal mondo materiale.

Tod und Verklärung venne completato nel 1889, e descrive in musica la morte di un artista. Il poema è uno dei più densi e lirici di tutta la produzione straussiana, con passi che anticipano soluzioni musicali novecentesche. Il compositore tenne in grande considerazione questo lavoro giovanile scritto a 25 anni, tanto che nel Lied Im Abendrot, uno dei suoi ultimi lavori, cita proprio il tema della trasfigurazione, preso dal poema, scritto 60 anni prima.

Concerto Michele Mariotti

Michele Mariotti sul podio dell’Orchestra e Coro del Teatro Regio
Un concerto dedicato interamente al genio di Franz Schubert

Teatro Regio, sabato 6 maggio 2017 ore 20.30

Sabato 6 maggio alle 20.30, Michele Mariotti torna sul podio dell’Orchestra e Coro del Teatro Regio, per un programma interamente dedicato a Franz Schubert. Del grande compositore viennese viene eseguita la celebre Sinfonia n. 8 in si minore D 759 (Incompiuta) e la Messa n. 6 in mi bemolle maggiore per soli, coro e orchestra D 950, con Alessandra Marianelli (soprano), Raffaella Lupinacci (contralto), Alessandro Luciano, Marco Ciaponi (tenori) e Michele Pertusi (basso). Maestro del coro: Claudio Fenoglio. Il concerto inaugura il Progetto Schubert che proporrà ogni anno, da questa Stagione, i principali lavori sinfonici e sacri del compositore.

A proposito della Sinfonia n. 8, composta nel 1822 e formata da sue soli movimenti, Mariotti ne sottolinea il carattere avanguardistico che anticipa il clima della Mitteleuropa di fine Ottocento, con tratti di drammatica disperazione che soltanto Mahler saprà cogliere a fondo e portare al massimo sviluppo. Questa Sinfonia cadde nell’oblio per decenni finché, nel 1865, il direttore d’orchestra Johann Herbeck ritrovò il manoscritto autografo in casa di un vecchio amico e compagno di studi di Schubert, portando così alla luce un capolavoro fino ad allora sconosciuto. I primi due movimenti sono completi in tutti i particolari, mentre del terzo restano solo degli appunti incompleti e non c’è traccia di un finale, ragione per cui l’Ottava sinfonia passò alla storia come “Incompiuta”.

Ottavio Dantone dirige Vivaldi e Bach

Vivaldi-Bach un magnifico confronto.
Ottavio Dantone sul podio dell’Orchestra e Coro del Regio. 
In programma capolavori sacri del barocco musicale.

Teatro Regio, venerdì 21 aprile 2017 ore 20.30
Ottavio Dantone, venerdì 21 aprile alle 20.30, sul podio dell’Orchestra e Coro del Teatro Regio, dirige un concerto con pagine sacre di Antonio VivaldiMagnificat in sol minore RV 610, Gloria in re maggiore RV 589 - e Johann Sebastian BachMagnificat BWV 243. Solisti di questo concerto dedicato al barocco musicale europeo sono: Roberta Mameli, soprano; Lucia Cirillo, mezzosoprano; Delphine Galou, contralto; Martin Vanberg, tenore e Riccardo Novaro, basso. Maestro del Coro: Claudio Fenoglio. Il concerto si inserisce nel ricco programma del Festival Antonio Vivaldi, un progetto reso possibile dalla Città di Torino, con la partecipazione delle principali istituzioni musicali torinesi, all’interno del quale il Regio ha presentato – tra le varie attività – l’opera L’incoronazione di Dario e la relativa esposizione Studi per l’Incoronazione, che si potrà visitare anche durante l’intervallo del concerto.

Gianandrea Noseda sul podio dell’Orchestra del Regio

Leonidas Kavakos interprete del concerto per violino di Brahms

Teatro Regio, sabato 25 marzo 2017 ore 20.30

Gianandrea Noseda, sabato 25 marzo alle 20.30, sul podio dell’Orchestra del Teatro Regio, dirige un concerto con pagine di Johannes Brahms, Luigi Dallapiccola e Modest Musorgskij. Di Brahms verrà eseguito il Concerto in re maggiore per violino e orchestra op. 77, solista: Leonidas Kavakos. Definito il “violinista dei violinisti”, Kavakos ha suonato con tutte le più grandi orchestre, dai Berliner ai Wiener Philharmoniker, dal Concertgebouworkest alla New York Philharmonic Orchestra, della quale è diventato Artist in Residence. Il suono profondo e avvolgente, limpido e tecnicamente perfetto di Kavakos, fanno di lui l’interprete ideale per il Concerto di Brahms, giocato tra arditi virtuosismi alternati a passi di intensa liricità melodica. Composto nel 1878, l’unico concerto per violino e orchestra di Brahms si articola in tre movimenti, l’ultimo dei quali fa uso di melodie ungheresi dal brillante vigore, secondo una moda ben diffusa durante tutto il classicismo viennese e che trova in questa partitura una delle più tarde e coinvolgenti reviviscenze.

Marco Angius dirige l’Orchestra del Teatro Regio

La Quarta di Mahler e un brano di Azio Corghi ispirato a Saramago

Teatro Regio, mercoledì 22 febbraio 2017, 20.30

Concerto per il Giorno della Memoria

Gabriele Lavia con l’Orchestra e il Coro del Regio in un percorso musicale per non dimenticare la Shoah

Teatro Regio, venerdì 27 gennaio 2017 ore 20.30

Ogni 27 gennaio si celebra il Giorno della Memoria in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici nei campi nazisti. La simbolica data rimanda al 27 gennaio del 1945 quando i primi soldati sovietici entrarono ad Auschwitz e resero pubblico l’atroce sterminio perpetrato dal regime nazista. Per quest’anno le pagine scelte per ricordare la Storia e commemorare la Giornata sono: Verklärte Nacht op. 4; A Survivor from Warsaw op. 46 di Arnold Schönberg e la Sinfonia n. 4 in la maggiore op. 90 “Italianadi Felix Mendelssohn-Bartholdy.

L’Orchestra e il Coro del Teatro Regio sono diretti da Roland Böer, Gabriele Lavia è la voce narrante nel brano A Survivor from Warsaw, maestro del coro è Claudio Fenoglio. Il concerto va in scena al Regio venerdì 27 gennaio 2017 alle ore 20.30, con un appuntamento riservato alle scuole lo stesso venerdì alle ore 11. La Comunità Ebraica di Torino sostiene il concerto per il Giorno della Memoria.

Uno speciale invito al concerto, data l’importanza della proposta culturale, è rivolto ai più giovani. Per gli under 16 l’ingresso è gratuito, per l’adulto che accompagna un under 16, biglietto a € 15. Per gli under 18, infine, sarà possibile acquistare i biglietti, in ogni settore, a € 10.

Nicola Luisotti dirige l’Orchestra del Teatro Regio

Luisotti dirige l’Orchestra del Teatro Regio
Un concerto dedicato al grande sinfonismo di Gustav Mahler

Teatro Regio, sabato 21 gennaio 2017 ore 20.30

Concerto di fine anno al Regio

Concerto di fine anno con il grande cinema di Chaplin
Timothy Brock sul podio dell’Orchestra del Teatro Regio

Teatro Regio, venerdì 30 dicembre 2016 ore 20.30; sabato 31 dicembre ore 17.30

Pinchas Steinberg dirige l’Orchestra e il Coro del Teatro Regio

Pinchas Steinberg dirige l’Orchestra e il Coro del Regio
In programma un raffinato viaggio nel repertorio francese

Teatro Regio, venerdì 25 novembre 2016 ore 20.30

Gianandrea Noseda inaugura la Stagione de I Concerti 2016/2017

In programma una prima esecuzione italiana di Fabio Vacchi

Teatro Regio, sabato 22 ottobre 2016 ore 20.30

Gianandrea Noseda, sul podio dell’Orchestra del Teatro Regio, inaugura la Stagione de I Concerti, sabato 22 ottobre alle ore 20.30, con un programma che propone la prima esecuzione italiana de La giusta armonia di Fabio Vacchi accostata a brani di Ludwig van Beethoven e Alfredo Casella; un concerto che vedrà, inoltre, il debutto al Regio del giovanissimo pianista canadese Jan Lisiecki.

La giusta armonia, per voce recitante e orchestra, è stata composta nel 2006 da Fabio Vacchi, nell’ambito delle celebrazioni mozartiane per il 250° anniversario della nascita del compositore. La partitura utilizza testi di Franz Heinrich Ziegenhagen, filosofo e letterato di Strasburgo che collaborò con Mozart. Il lavoro di Vacchi – compositore tra i più affermati nel panorama internazionale, i cui lavori sono stati eseguiti da Abbado, Sinopoli, Muti – è un omaggio alle utopie dell’Illuminismo, tradotte in una gioiosa apoteosi musicale che si materializza nel rutilante finale del brano. I passi recitati sono affidati all’attore Sandro Lombardi.

Condividi contenuti