Concerti Aperitivo

Concerti da camera al Piccolo Regio la domenica mattina

Quintetto Regio

Comunicato stampa collegato: 
Luogo: 
Piccolo Regio Puccini
Franz Schubert

Interpreti

Sergey Galaktionov violino
Tomoka Osakabe violino
Armando Barilli viola
Davide Eusebietti violoncello
Davide Botto contrabbasso


Programma

Franz Schubert (1797-1828)
Quintetto in do maggiore op. post. 163, D. 956

Scheda di sala

Collega prezziario: 

Clarivoces Ensemble

Luogo: 
Piccolo Regio Puccini
Il gruppo da camera Clarivoces Ensemble

Interpreti

Luigi Picatto clarinetto piccolo
Alessandro Dorella clarinetto
Luciano Meola corno di bassetto
Edmondo Tedesco clarinetto basso
Federico Marchesano contrabbasso
Fiorenzo Sordini batteria e percussioni


Programma

Duke Ellington (1899-1974)
Take the ‘A’ Train

Modest Musorgskij (1839-1881)
da Pictures at an Exhibition (rielaborazione Emerson, Lake & Palmer)
     Promenade 1 - Gnomus
     The Old Castle (Intro, Minimoog Variation, Hammond Variation)
     Promenade 2 - The Hut of Baba Yaga

Duke Ellington
Sophisticated Lady

Glenn Miller (1904-1944)
In The Mood

Aaron Copland (1900-1990)
Hoe-Down da Rodeo Ballet (rielaborazione Emerson, Lake & Palmer)

Vittorio Monti (1868-1922)
Czardas n. 1

Scheda di sala

Collega prezziario: 

Coro di voci bianche

Coro di voci bianche del Teatro Regio e del Conservatorio "G. Verdi" di Torino

Interpreti

Claudio Fenoglio direttore
Paolo Grosa pianoforte

Coro di voci bianche del Teatro Regio e del Conservatorio “G. Verdi”


Programma

Gioachino Rossini (1792-1868)
La Fede, La Speranza e La Carità,
tre cori religiosi per coro di voci bianche e pianoforte

Gabriel Fauré (1845-1924)
Messe basse
Tantum ergo op. 55 n. 1
Maria, mater gratiae op. 47 n. 2

Benjamin Britten (1913-1976)
da A Ceremony of Carols op. 28
     «Wolcum Yole!» (n. 2)
     «That Yonge Child» (n. 4)
     «There Is no Rose» (n. 3)
     «Deo Gracias (Adam Lay I–Bounden)» (n. 11)

Benjamin Britten
A New Year Carol

Canto natalizio latino (XII sec. circa)
Personent hodie
(arrangiamento di Gustav Holst)

Lewis Redner (1831-1908)
O Little Town of Bethlehem
(arrangiamento di Ralph Vaughan Williams)

Felix Mendelssohn Bartholdy (1809-1847)
Hark! The Herald Angels Sing

William J. Kirkpatrick (1838-1921)
Away in a Manger

Joseph Brackett Jr. (1797–1882)
The Gift
(arrangiamento di Bob Chilcott)

Canto tradizionale inglese (XV-XVI sec. circa)
God Rest Ye Merry, Gentlemen

Collega prezziario: 

The Spirituals

Comunicato stampa collegato: 
Luogo: 
Piccolo Regio Puccini
Il gruppo da camera del Teatro Regio The Spirituals

Interpreti

Chiara Bongiovanni soprano
Eugenia Braynova soprano
Serafina Cannillo soprano
Eugenia De Gregori soprano
Pierina Trivero soprano
Angelica Buzzolan contralto
Maria Di Mauro contralto
Marina Sandberg contralto

Carlo Caputo pianoforte

Collega prezziario: 

I concerti aperitivo: il Coro del Teatro Regio

Il Coro del Regio diretto da Claudio Fenoglio per l’ultimo Aperitivo della Stagione

Teatro Regio, domenica 24 marzo 2013 ore 11

SoleVoci per I Concerti Aperitivo

Il meglio della musica pop per SoleVoci

Piccolo Regio Puccini domenica 24 febbraio 2013 ore 11

Domenica 24 febbraio alle ore 11 al Piccolo Regio Pucciniper la Stagione dei Concerti Aperitivo, il gruppo vocale SoleVoci propone un programma imperdibile: un’ora con la musica pop dei grandi autori (da McCartney a De André) interpretata esclusivamente “a cappella”. In scena nessuno strumento musicale dunque, ma solo le voci di Cristiana Cordero (soprano), Angelica Buzzolan (contralto), Pierangelo Aimé(tenore), Franco RizzoMarco Sportelli (baritoni), Davide Motta Fré (basso). biglietti per il concerto sono tutti esauriti, saranno disponibili 30 biglietti last minute a partire dalle ore 10.

I Concerti Aperitivo: InCanto 10 febbraio

Otto voci maschili per diciannove canti popolari

Piccolo Regio Puccini, domenica 10 febbraio 2013 ore 11

Domenica 10 febbraio alle ore 11, per il quinto appuntamento de I Concerti Aperitivo, il gruppo da camera del Teatro InCanto si esibirà sul palco del Piccolo Regio. L’ensemble è composto da alcuni artisti del Coro del Regio: i tenori Pierangelo Aimé, Gianni Cara, Diego Cossu, Vito Martino, Dario Prola e i bassi Mauro Barra, Vladimir Jurlin e Riccardo Mattiotto.

Quintetto Prestige

Un “prestigioso” inizio con il Quintetto di fiati

Piccolo Regio Puccini, domenica 20 gennaio 2013 ore 11

Domenica 20 gennaio alle ore 11, con il Quintetto Prestige sul palco del Piccolo Regio ha inizio il 2013 degli aperitivo; in programma, celebri musiche sinfoniche e operistiche arrangiate per quintetto di fiati. Il gruppo da camera è composto dai professori dell’Orchestra del Regio Federico Giarbella (flauto), Alessandro Cammilli (oboe), Luigi Picatto (clarinetto), Ugo Favaro (corno) e Orazio Lodin (fagotto).

I biglietti per il concerto sono esauriti in prevendita; saranno disponibili 30 ingressi last minute a partire dalle ore 10.

L’ouverture de La clemenza di Tito si apre con una fanfara all’unisono tra le parti principali, come accade per quella di Idomeneo. Il tema dell’allegro iniziale ricorda inequivocabilmente l’incipit della Sinfonia in do maggiore KV 338 dello stesso Wolfgang Amadeus Mozart. L’opera fu commissionata nel settembre del 1791 dagli Stati Generali di Boemia per l’incoronazione del re Leopoldo II a Praga. In quell’occasione non ricevette la considerazione che meritava, in quanto fu ritenuta da alcuni invitati «così noiosa da conciliare il sonno» o, come commentò, Maria Luisa di Borbone, moglie di Leopoldo, «una porcheria tedesca in lingua italiana». Questo incarico, contemporaneo a quello del Die Zauberflöte, fece sì che Mozart non potesse ultimare il Requiem.

Il Coro di voci bianche del Regio e del Conservatorio

Viaggio nel repertorio della vocalità infantile

Teatro Regio, domenica 9 dicembre 2012 ore 11

Domenica 9 dicembre al Teatro Regio ore 11 i giovani artisti del Coro di voci bianche del Teatro Regio e del Conservatorio “G. Verdi” diretti dal M° Claudio Fenoglio, con la partecipazione di Andrea Secchi al pianoforte e del narratore Mauro Ginestrone, saranno protagonisti assoluti di un concerto aperitivo dal sapore natalizio.

Il repertorio di questa matinée sarà ampio ed eterogeneo spaziando da Britten a Bach, da Mozart a Carlo Galante.

Il concerto si aprirà con un «Kyrie eleison» gregoriano, «Oculus non vidit» dalle Cantiones Duarum Vocum di Orlando Di Lasso, facente parte di una raccolta di composizioni per due voci a cappella (o per due strumenti) scritta a Monaco nel 1577 durante l’ultimo periodo della carriera del compositore fiammingo. Notevole è la perizia tecnica e d’invenzione con le quali Di Lasso tratta i principi della polifonia. Gli stessi principi sui quali si formò anche Pierluigi da Palestrina, di cui ascolteremo «Pleni sunt coeli».

Il viaggio prosegue con Johann Sebastian Bach e «Denn das Gesetz des Geistes», da Jesu meine Freude BWV 227. È il più lungo e architettonicamente complesso tra i mottetti di Bach. Composto nel 1723 per una commemorazione funebre, utilizza per il testo, cinque versetti dall’ottavo capitolo della lettere di San Paolo ai Romani alternati alle sei strofe del Lied di Johann Franck su melodia di Johannes Crüger. La composizione risulta articolata in 11 sezioni, disposte secondo un ordine preciso, che utilizzano da tre a cinque parti vocali, secondo il principio della variatio per choros.

Baroccheggiando Ensemble

Appuntamento Barocco con Bach e Vivaldi

Piccolo Regio Puccini, domenica 25 novembre 2012 ore 11

Domenica 25 novembre alle ore 11, per il secondo appuntamento con I Concerti Aperitivo, si esibirà sul palco del Piccolo Regio il Baroccheggiando Ensemble, gruppo di artisti del Regio formato da Andrea Manco (flauto), Daniele Soncin e Paola Bettella (violini), Rita Bracci (viola), Davide Eusebietti (violoncello), Stefano Schiavolin (contrabbasso) e Luca Brancaleon (cembalo). In programma un repertorio squisitamente barocco con la Suite n. 2 in si minore per flauto, archi e cembalo di Johann Sebastian Bach e tre Concerti di Antonio Vivaldi.

Le quattro Suites per orchestra di Bach sono state composte sul modello seicentesco di Jean-Baptiste Lully, caratterizzato da uno spirito salottiero, con ritmo puntato e sincopato e con la presenza di diversi abbellimenti. Tale forma musicale è caratterizzata da una successione di danze: l’Ouverture introduce una serie di movimenti alternati, ora veloci, ora più lenti. In particolare la seconda Suite, che aprirà la matinée, si articola in sette tempi: Ouverture, Rondò, Sarabanda, Bourrée I e II, Polacca, Minuetto e Badinerie. In questa partitura il protagonista è il flauto, che dialoga e si contrappone agli archi, tanto che potrebbe sembrare un concerto solistico piuttosto che una serie di danze. Bach scrisse questa composizione nel 1720 a Koethen, in un periodo contraddistinto da una ricca inventiva e voglia di ricerca.

Condividi contenuti