Don Pasquale

Teatro Regio, Martedì 14 Aprile 2009 - Domenica 26 Aprile 2009

Presentazione

Foto di scena con Francesco Meli (Ernesto), Roberto Scandiuzzi (Don Pasquale) e Serena Gamberoni (Norina)

«Qui - al Théâtre Italien di Parigi – andrà Linda la settimana ventura, ne sentirai le novità. Poscia entro in ripetizione con un’opera nuova buffa, fatta intanto che tu viaggiavi, che mi costò più di dieci giorni di fatica…Titolo: Don Pasquale. È il vecchio Marcantonio (non dirlo questo)». Così Gaetano Donizetti scriveva il 12 novembre 1842 al cognato Antonio Vaselli, raccontandogli di aver composto la sua nuova opera in soli dieci giorni: Don Pasquale è basata su un precedente libretto di Angelo Anelli, Ser Marcantonio, musicato nel 1808 da Stefano Pavesi. L’autore del libretto di Don Pasquale fu Giovanni Ruffini, un mazziniano esule a Parigi autore dei romanzi Il dottor Antonio e Lorenzo Benoni.
Ma poiché Donizetti apportò numerose modifiche al libretto, Ruffini non volle firmarlo, così appare siglato da “M.A.” ovvero Michele Accursi, un altro amico mazziniano di Donizetti. L’opera debuttò il 3 gennaio 1843 al Théâtre Italien di Parigi con grande successo e il 17 aprile 1843 era già alla Scala. Così scrisse René Leibowitz nella sua Storia dell’opera: «abbiamo detto che Don Pasquale è uno dei grandi capolavori dell’opera buffa; possiamo aggiungere che ne rappresenta veramente il massimo culmine. L’opera si presenta infatti come una sintesi di tutte le conquiste precedenti, assimilate e trasformate in elementi nuovi, in cui acquistano la candida spontaneità, la schietta autentica freschezza che abbiamo tanto ammirato. Dopo un tale successo, era inevitabile che l’opera buffa subisse un declino: e infatti sopravviverà solo sporadicamente».

Dati essenziali

Compositore: Gaetano Donizetti
Librettista: Giovanni Ruffini e Gaetano Donizetti (da Angelo Anelli)
Prima rappresentazione: 1843 Théâtre Italien, Parigi

Allestimenti precedenti:

1912, 1925, 1926, 1933, 1946, 1953, 1959, 1967, 1980, 1988, 1998 (2),