Roberto Bolle and Friends

Teatro Regio, Venerdì 29 Dicembre 2017 - Domenica 31 Dicembre 2017

Comunicato stampa

Teatro Regio, dal 29 al 31 dicembre 2017

#bolletour2017

Venerdì 29 dicembre, sabato 30 dicembre alle ore 20.30 e domenica 31 dicembre alle ore 17.30 il Teatro Regio ospita il Gala di danza Roberto Bolle and Friends.

I tre appuntamenti sono sold out.

Torna – a grande richiesta – il ballerino italiano più famoso al mondo: Roberto Bolle, che chiude il 2017 con uno degli appuntamenti più attesti della Stagione. Un’occasione unica per ammirare, in una stessa serata e sul medesimo palcoscenico, le più famose stelle del balletto di oggi “sfidarsi” amichevolmente, nel nome dell’arte della danza, in uno straordinario confronto di tecniche, scuole e stili. Un programma che vede avvicendarsi sul palcoscenico, con ritmo serrato e avvincente, una parata di passi a due e assoli, tratti dal repertorio dei più amati classici dell’Ottocento e dai più celebri titoli del Novecento.

La folgorante carriera di Roberto Bolle, iniziata giovanissimo dopo il diploma alla Scuola di Ballo del Teatro alla Scala e l’ingresso nella compagnia scaligera, gli inviti nei più importanti teatri del mondo conteso come guest star, il corteggiamento mediatico, la presenza da protagonista e testimonial ai grandi appuntamenti internazionali, fanno di lui un caso unico di danzatore che riesce a portare al balletto, come nessun altro, grandi folle di ammiratrici e ammiratori. Attesissimo appuntamento il primo gennaio 2018, su RaiUno verrà trasmessa una serata di grande danza: Roberto Bolle – Danza con me.

I Gala Roberto Bolle and Friends si sono trasformati nelle mani di Bolle, qui nei panni non solo di interprete, ma anche di direttore artistico, in un potente strumento culturale di diffusione della danza, attirando ogni anno migliaia di appassionati e non. Bolle, forte della sua intensissima esperienza internazionale, è riuscito ogni volta a ricreare per ognuno di questi appuntamenti uno spettacolo magico, riunendo alcuni dei più importanti ballerini del mondo e dando vita con loro a programmi vivaci, sorprendenti, che hanno saputo coinvolgere pubblici eterogenei e mai finora così vasti. Nell’accostamento del classico al super moderno e alla sperimentazione, il Roberto Bolle and Friends ha trovato la sua cifra originale.

Al Regio, insieme a Roberto Bolle, vedremo in scena le étoiles più scintillanti del momento. Alicia Amatriain (dal 2002 Prima Ballerina del Balletto di Stoccarda) è nata a San Sebastián in Spagna, “ballerina eccezionale” nella stagione 2003/04 secondo le riviste Ballettanz e Danza Europa, nel febbraio 2006 ha ricevuto il Premio Danza Tedesca Future e il Premio Revelación nella sua città natale. Nel 2008 ha vinto il Premio Danza & Danza. Oggi fa parte delle guest star più richieste nei gala internazionali. Young Gyu Choi (Principal del Dutch National Ballet di Amsterdam dal 2016), nato a Seul, Corea del Sud, ha iniziato la sua formazione a otto anni alla Sunhwa Arts School di Seul per proseguire in Svizzera presso la Tanz Akademie Zürich, nel 2007 si è aggiudicato il primo premio alla “Youth America Gran Prix” a New York. Maria Eichwald (International Guest Artist), nata a Talgar, in Kazakistan, ha danzato nelle più grandi compagnie di danza del mondo, dal Bayerischen Staatsballett di Monaco al Ballet Nacional de Cuba allo Stuttgarter Ballett. Dal 2014 lavora come freelance, danzando in balletti come Lo Schiaccianoci di Nacho Duato e Giselle di Jean Coralli e Jules Perrot alla Scala di Milano. È stata nominata “Ballerina dell’anno” 2010, 2011 e 2012 dal Dance Europe Magazine e nel 2014 è stata eletta “Ballerina dell’anno” dal magazine Tanz. Dorothée Gilbert (Étoile del Ballet de l’Opéra di Parigi, dal 2007) è nata a Tolosa e si è formata alla École de danse dell’Opéra di Parigi. Durante la sua carriera, ha ricevuto premi e riconoscimenti: nel 2000 ha vinto il “Prix Ballet” e nel 2006 si è aggiudicata il “Prix Léonide Massine” a Positano. Nel 2006 le è stato riconosciuto il titolo di “Chevalier des Art set des Lettres” a Cannes. Marcelo Gomes (Principal Dancer, American Ballet Theatre, New York), nato a Manaus, in Brasile è un ballerino dallo straordinario repertorio che include tutti i balletti classici, da Romeo e Giulietta a Giselle da La Bella addormentata a Onegin. Alcuni tra i coreografi più famosi al mondo – da Twyla Tharp a John Neumeier, da William Forsythe a Jiří Kylián, da Alexei Ratmansky a Matthew Bourne – hanno creato appositamente ruoli per lui. Come coreografo ha creato diversi balletti per l’ABT, il Teatro alla Scala e il Complexions Contemporary Ballet. Nel 2008 ha ricevuto il premio “Prix Benois de la Dance” a Mosca. Kimin Kim (Principal Dancer, Balletto del Teatro Mariinskij, San Pietroburgo dal 2012) è nato a Seul, Corea del Sud e si è diplomato alla Korea National University of Arts. Il suo repertorio include ruoli principali nei grandi classici. Durante la sua carriera ha preso parte a diversi Festival tra cui il Rudolf Nureyev International Classical Ballet Festival; nel 2015 ha preso parte al Gala Icons of Russian Ballet organizzato al Coliseum di Londra. Nel 2016 è stato il vincitore del progetto “Rossiya-Kultura TV Grand Ballet” e ha ricevuto il “Priix Benois de la Danse”. Anna Ol (Prima Ballerina del Dutch National Ballet, Amsterdam dal 2015) è nata a Krasnojarsk in Russia. Nel corso degli anni si è esibita con diverse Compagnie: Siberian State Ballet, Teatro Michajlovskij di San Pietroburgo e Compagnia Stanislavsky and Nemirovich-Danchenko Academic Music Theatre di Mosca. Il suo repertorio comprende ruoli di rilievo nei balletti classici, ha lavorato con coreografi di fama mondiale come Jiří Kylián, John Neumeier, Natalia Makarova, Sir Kenneth MacMillan e Jerome Robbins. Durante la sua carriera ha ricevuto premi tra i quali la Gold Medal al “Grand Prix Galina Ulanova” nel 2008 e alla “Arabesque Competition” a Perm nel 2010. Christine Shevchenko (Principal Dancer, American Ballet Theatre, New York dal 2017) è nata ad Odessa, in Ucraina. Il suo repertorio spazia da ruoli di rilievo nei balletti classici alla coreografia contemporanea, tra cui Caprice #1, appositamente creata da Benjamin Millepied per un concorso. Ha vinto numerosi premi tra cui: nel 2003 il “Princess Grace Award”, l’artista più giovane ad averlo mai ricevuto; nel 2005 la Bronze Medal all’”USA International Ballet Competitio”, mentre alla “Moscow International Ballet Competition” si è aggiudicata la Gold Medal e il “Title of Laureate”. Nel 2010 ha vinto il “Margaret Moore Dance Award” e nel 2015 il “Leonore Annenberg Arts Fellowship”.

Il programma della serata spazia dal classico al contemporaneo e si apre con Prototype reloaded di Massimiliano Volpini il solo interpretato da Roberto Bolle su musica di Leonardo De Amicis, co-regia e visual effects di Avangarde Numerique e Xchanges Vfx Design; a seguire Penumbra, creazione di Remi Wörtmeyer, Principal Dancer del Dutch National Ballet e coreografo, su musica di Sergej Rachmaninoff, danzato da Anna Ol e Young Gyu Choi, affiatatissima coppia che ha reso celebre questo pas des deux in Italia. In programma tre celeberrime coreografie di Marius Petipa, mostro sacro della danza accademica ottocentesca: il Pas de deux dall’Atto II de Lo Schiaccianoci (musica di Pëtr Il’ič Čajkovskij) interpretato da Dorothée Gilbert e Marcelo Gomes; il Pas de deux dall’Atto III del Don Chisciotte (musica di Ludwig Minkus) nella danza di Christine Shevchenko e Kimin Kim; il Pas de deux da Esmeralda (musica di Cesare Pugni) con la coppia Anna Ol e Young Gyu Choi. Maria Eichwald e Roberto Bolle sono i protagonisti del Pas de deux da Thaïs sulle celeberrime note di Jules Massenet e la coreografia di Roland Petit, vero e proprio maestro nell’arte del pas de deux. Aprono la seconda parte del programma Alicia Amatriain e Roberto Bolle in Rencontre coreografia di Massimiliano Volpini su musica composta e interpretata da René Aubry, visual effects di Staff s.a.s.; Dorothée Gilbert e Marcelo Gomes sono protagonisti del Pas de deux dall’Atto II della Cenerentola su musica di Sergej Prokof’ev nella celebre versione di Rudolf Nureyev che rilegge la fiaba in chiave moderna nella Hollywood degli anni ’30. Spazio ancora alla contemporaneità con Mono Lisa di Itzik Galili, su musica di Thomas Höfs, che vedrà in scena la coppia Maria Eichwald e Roberto Bolle. Gran finale con Le Grand Pas de Deux, esilarante parodia del balletto classico firmata da Christian Spuck su musiche di Gioachino Rossini, con Bolle nei panni di un principe vanesio che maltratta la bionda spagnola Alicia Amatriain, per l'occasione travestita da zitella con una finta mucca pezzata alle spalle. Lo descrive così Roberto Bolle: «Mi diverte e mette in luce il mio lato più ironico. La gente non se l'aspetta dopo tanti ruoli intensi e mi piace mandarla a casa con il sorriso. La vita mi ha insegnato a prendermi con leggerezza».

Roberto Bolle and Friends è una Produzione Artedanza Srl.

Per ulteriori informazioni: www.teatroregio.torino.it e www.sistemamusica.it.

Seguite il Teatro Regio sui nostri social media, e per questa produzione utilizzate l’hashtag:

#bolletour2017 

   
 
UFFICIO STAMPA
Teatro Regio, Direzione Comunicazione e Stampa
Paola Giunti (Direttore), Sara Zago e Paolo Cascio (Relazioni con la Stampa). Tel: +39 011.8815.239/237
ufficiostampa@teatroregio.torino.it - giunti@teatroregio.torino.it
zago@teatroregio.torino.it - cascio@teatroregio.torino.it - www.teatroregio.torino.it