Stampa internazionale

Il Principe Igor marcia dentro il MET sotto la guida di un grande regista

[...] Tutto è sembrato vivificato dal passo elettrizzante dato da Noseda. L'orchestra ha suonato in modo splendido grazie a questo italiano così ispirato, bisognerebbe confiscargli il passaporto perché non potesse mai lasciare il Teatro. Il Met ha bisogno di direttori come Noseda ora che James Levine, il Direttore musicale, si è trasformato in un amato prestanome. [...]

[Manuela Hoelterhoff, Bloomberg News, 10 febbraio 2014]


Gianandrea Noseda e la sua fede in Verdi

[...] Gianandrea Noseda ha la sua idea del Requiem, né magniloquente né sentimentale, vissuta intimamente, senza enfasi. Adotta tempi complessivamente briosi, gestendo i cambi con maestria. La sua arte gli deriva dai suoi due mentori, Valery Gergiev, per l’aspetto istintivo, perfino animale, nella pienezza dell’istante (il Dies iræ), e da Myung-Whung Chung, per la capacità di rendere l’architettura nella sua globalità e di dosare le forze lungo tutta la durata. Suda sette camicie (è proprio il caso di dirlo!), cercando di concentrare le energie a sua disposizione. [...]

[Julian Sykes, Le Temps, Agosto 2013]


«Salmo IX» e «Magnificat» di Petrassi potenza e poesia del ’900 italiano

[...] Alla salda guida delle compagini del Teatro Regio di Torino, Noseda dimostra una perfetta consonanza con la potenza drammaturgica e le oasi di poetica riflessione di queste pagine, ricondotte nell'alveo dell'illustre tradizione musicale e spirituale che ha fatto grande la storia artistica del nostro Paese.

Leggi l'articolo completo

[Andrea Milanesi, Avvenire, Maggio 2013]


Il centro culturale non celebrato dell’Italia

Con la sua fiorente scena culturale, che include un prospero teatro dell'opera, Torino è una città che merita un posto tra i primi della lista delle visite a carattere musicale che tutti dovrebbero effettuare, così come ha scoperto Jeremy Pound. [...]

Leggi l'articolo completo

[Jeremy Pound, BBC Music Magazine, Febbraio 2013]


Villazón incide Verdi.

[...] «L'orchestra del Teatro Regio sente Verdi nel sangue. E nessuno fa piangere l'orchestra quanto Verdi». (Rolando Villazón) [...]

Leggi l'articolo completo

[Richard Lawrence, Gramophone.co.uk, Gennaio 2013] 


Diluvio di ovazioni alla Scala per «Luisa Miller» e l’intenso Nucci

[…] Governava su tutto la bacchetta esperta, prudente, e precisa di Gianandrea Noseda, che dalla partitura ha tirato fuori l’impeto romantico, ma anche gli aspetti leggeri e pittoreschi, nonché – finezza inconsueta – una delicata ironia.

[Paolo Gallarati, La Stampa, 9/6/2012]


Amore all’ombra dei padri

[…] Dopo la Sinfonia, concertata di slancio da Gianandrea Noseda, passionale, ben trattenuta nelle oasi intimistiche dei legni e lasciata esplodere nel turgore pieno del dramma, il sipario di apre su un matrimoniale candido.
L’altro vertice della sera della prima è Marcelo Álvarez, rassicurato tangibilmente dal tessuto orchestrale che gli dipinge sotto il direttore Noseda, e che offre una interpretazione sfaccettata, con pianissimi luminosi e singhiozzante disperazione, culminante nel pavarottiano Cantabile di “Tutte le sere, al placido”.
Bene l’orchestra, sui tempi tempestosi di Noseda e sulle richieste di sonorità sempre densa, piena, di un Verdi assai più parigino che italiano.

[Carla Moreni, Il Sole 24 Ore, 10/6/2012]


Luisa Miller così Verdi sfiducia la famiglia

[…] Con un cast equilibrato e proficuo, con l' orchestra (e il coro) in forma e dalla sua, Gianandrea Noseda ha lavorato al meglio come ha dimostrato il magistrale avvio della sinfonia: gamma precisa di respiri drammatici, vernice strumentale cinerina ma mordente. […]

Vai all'articolo completo

[Angelo Foletto, la Repubblica, 10/6/2012]


«Luisa Miller» alla Scala tra Natura e Legge tirannica
Applausi all’opera di Verdi diretta da Noseda con la regia di Martone

[…] È insomma un cast ineccepibile, ben superiore a quelli non solo dei teatri italiani ma anche di celebratissimi teatri europei. E che ottimo debutto è stato quello di Noseda! Non lima lo «sporco» di questo Verdi «già e non ancora», e dunque non la riduce a quel colore «neutro» che purtroppo si ascolta spesso. Né d'altra parte carica gli accenti oltre quel limite dove albergherebbe il volgare.
La sua è una lettura così matura da far riscoprire che bello e verdiano è il suono dell'orchestra scaligera.

Vai all'articolo completo

[Enrico Girardi, Il Corriere della Sera, 8/6/2012]


A cuore aperto. Il Festival White Light al Lincoln Center

«[…] Noseda ha diretto il miglior War Requiem che io abbia mai ascoltato. Ha dimostrato un controllo totale dell’immensa architettura di Britten: l’equilibrio tra l’intera orchestra e l’insieme da camera; il delicato e quasi liederistico ingresso delle voci soliste; la strabiliante ondata di suono nel Dies irae e nel Libera me. L’esecuzione ha costituito un’interpretazione molto eloquente di un pezzo troppo spesso maneggiato come un tour de force puramente tecnico. […]»

Vai all'articolo completo

[Alex Ross, The New Yorker, 14/11/2011]


Orchestra of the Age of Enlightenment / Noseda, Royal Festival Hall, London

«Come dovrebbe sentirsi uno dopo l'esecuzione della Missa solemnis di Beethoven? […] La prima collaborazione tra Noseda e l’OAE è stata una toccante esecuzione che ha fatto emergere più domande che risposte, ed è proprio in questo senso che la composizione dovrebbe essere ascoltata.
[…] Noseda sembra calzare a pennello per la OAE; ha preso un’orchestra che al suo meglio è già di per sé elettrizzante e ne ha aumentato il voltaggio fino a farla esplodere. La dolcezza con cui ha modellato passaggi quali il Kyrie in apertura è stata controbilanciata da allegri incredibilmente dinamici. Nonostante sia stata un’esecuzione vivace, l’impressione che ha lasciato non è quella di una velocità eccessiva, ma di energia, di colori mutevoli e rispondenza alla dettagliata ed evocativa partitura di Beethoven.
Il concerto era dedicato alla memoria di Charles Mackerras, il compianto direttore di Coro e Orchestra, anche lui affatto estraneo a prendere per le corna quel toro che è Beethoven. Ne sarebbe stato fiero».

Vai all'articolo completo

[Erica Jeal, The Guardian, 6/11/2011]


London Symphony Orchestra - Davis - Noseda al Lincoln Centre a New York

«[…] È stata l’esecuzione di domenica del War Requiem che ha creato il maggiore impatto. […] E l’interpretazione spudoratamente drammatica di Gianandrea Noseda ha mantenuto il pubblico pietrificato. Era tutto così vivido: in apertura il mormorio del coro come un'eco di anime defunte; il rintocco delle campane e le minacciose fanfare; e il lento crescendo dei mormorii lamentosi — un’intensissima evocazione del lutto, la devastazione e la pena della guerra.
Noseda e Znaider sono davvero gli uomini emergenti. La LSO dovrebbe corteggiarli entrambi assiduamente».

Vai all'articolo completo

[Richard Morrison, The Times, 24/10/2011]


Guidando la marcia verso un luogo mistico

«[…] Domenica pomeriggio la London Symphony e il Coro erano di ritorno, questa volta con il direttore Gianandrea Noseda, […] per una travolgente esecuzione del War Requiem di Britten, un altro lavoro certamente adeguato all’obiettivo del festival di esplorare le dimensioni spirituali delle nostre vite.
[…] Il War Requiem è un lavoro audace, personale e moderno. Domenica si è rivelato proprio così nell’esecuzione avvincente e piena di sfumature che il Maestro Noseda ha diretto, fin dall’inizio, quando il coro ha cantato sottovoce il Requiem aeternam, chiedendo al Signore l'eterno riposo per il defunto, ma con una musica velata e dolcemente intensa che suggeriva trepidazione, come se i coristi avessero avuto timore nel porgere l'appello.
[…] L'esecuzione avrebbe avuto risonanza anche senza la cornice del festival. Ma ascoltarla in questo contesto ci dà un significativo esempio di quel che ci aspetta».

Vai all'articolo completo

[Anthony Tommasini, The New York Times, 24/10/2011]


La Pittsburgh Symphony Orchestra nomina Gianandrea Noseda Direttore ospite "Victor de Sabata"

«PITTSBURGH - La Pittsburgh Symphony Orchestra (PSO) e il Direttore musicale Manfred Honeck oggi hanno annunciato la creazione della nomina a Direttore ospite "Victor de Sabata" per il Direttore Gianandrea Noseda. L'incarico di Noseda comincia con la Stagione 2010-11 e avrà la durata di quattro anni. [...]»

Vai all'articolo completo

[L'Ufficio stampa della Pittsurgh Symphony Orchestra, 9/09/2010]


Noseda alla Bridgewater Hall, Manchester

« [...] La Settima di Mahler è senza dubbio la sua sinfonia più delicata. Ma Gianandrea Noseda con la sua orchestra ci ha fatto capire in modo sensazionale quanto sia dotata di una vita brulicante e un'assoluta virtuosità di inventiva. Ho sentito esecuzioni delle Nachtmusik  più sinistre. Ma Noseda ci ha deliziati per ricchezza di timbri e per i tempi: ha reso il secondo notturno con uno sfondo vivido e animato, così come dovuto grazie ai temi popolari che si percepiscono costantemente nella mente e nella musica di Mahler. E il finale? Forse solo un italiano è in grado di liberare le impetuose esplosioni bandistiche tipiche di Mahler. Sono in pochi dopotutto e sicuramente il pubblico li apprezza molto quando ne ha l'occasione.»

[Hilary Finch, Timesonline.co.uk, 27/04/2010]


Gianandrea Noseda ha diretto la BBC Philharmonic in una emozionante performance della Settima di Mahler

«L'imponente ciclo sinfonico di Mahler, presentato alla Bridgewater Hall, è giunto alla Settima sabato scorso, con un concerto della BBC Philharmonic guidata dal suo Direttore principale Gianandrea Noseda. [...]
Noseda e i musicisti (che erano in forma smagliante) hanno fatto fuochi d'artificio e gli improvvisi silenzi tra l'uno e l'altro sembravano estremi e vertiginosi. Più di una volta Noseda ci ha tolti dagli impicci; la sua figura snella vibrava di energia elettrica quando incitava l'orchestra. I tre movimenti centrali, che sembravano una sequenza sconcertante, non erano affatto una sequenza. Noseda li ha diretti tutti insieme, trasformandoli in una lunga, fugace fantasmagoria notturna. L'insieme era incredibilmente intenso e ci ha lasciati carichi di energia.»

[Ivan Hewett, Telegraph.co.uk, 26/04/2010]


Requiem di Verdi

«Con l'aiuto del Coro Mendelssohn di Toronto, quattro eccellenti solisti (tutti al loro debutto a Toronto) e la magistrale direzione del maestro Gianandrea Noseda, la Roy Thompson Hall talvolta tremava per l'intensità della musica proveniente dalla scena [...].
Se ognuno potesse affrontare la morte con l'aiuto di un'esecuzione dal vivo del Requiem di Verdi, il mondo non avrebbe più bisogno degli psicologi del lutto [grief counsellors].
Ciò è ancora più vero quando l'esecuzione è così bella e raffinata quanto la lettura ispirata di Noseda, che ha messo in rilievo tutto il potenziale dei silenzi tra le note quanto quello delle note stesse».

[John Terauds, The Star, 19/02/2010]


Ottimo debutto di Noseda, l’eleganza e l’intensità di Lupu
Maestria sul podio e al pianoforte per il concerto della CSO

«Preceduto dalla sua fama, il direttore milanese Gianandrea Noseda è giunto al debutto con la Chicago Symphony Orchestra.
[Il Concerto n. 3 per pianoforte in do minore op. 37 di] Beethoven ha fatto scoprire la grande novità del concerto di giovedì sera: Noseda, 45 anni, è un vero talento. Visto che i sovrintendenti e i critici lamentano la mancanza di direttori del calibro di Noseda, dovrebbero prenderlo al volo non appena avrà terminato il suo impegno come chief conductor della BBC Philharmonic di Manchester.
A lungo pupillo dell'illustre russo Valery Gergiev, Noseda ha assorbito da lui la particolare gestualità e la maniera di dirigere. Inoltre ha imparato come utilizzarle per imbrigliare e, insieme a un'orchestra, dare forma appropriata al suono. Seppure con poco sforzo, Noseda ha realizzato l'accompagnamento del Concerto con forza, ricchezza di sfumature e calandosi completamente nello stile e nel mondo di Beethoven.
[...] Evidentemente Noseda, che ha registrato per Chandos la Prima sinfonia in re minore op. 13 di Rachmaninov con la BBC Philharmonic, crede nel pezzo. Gli immensi quattro movimenti, 45 minuti di dura prova, sono stati eseguiti stupendamente da direttore e orchestra [...].
Speriamo di verificare presto quanti altri assi ha nella manica Noseda».

[Andrew Patner, Chicago Sun-Times,  27/02/2010]


Il tabarro, «un’interpretazione memorabile»

«L’entusiasmante opera di Puccini emerge in una magistrale interpretazione in occasione di uno dei più indimenticabili BBC Proms dell’anno scorso. Gianandrea Noseda dirige la BBC Philharmonic e una favolosa schiera di solisti di primissimo livello tali Barbara Frittoli, Lado Ataneli e Barry Banks…».

[Oliver Condy, BBC Music Magazine, Aprile 2009]


La Decima di Mahler, «una esecuzione profondamente ispirata»

«Un capitolo assai rilevante nella storia delle esecuzioni mahleriane è il debutto di Gianandrea Noseda nell’incompiuta Sinfonia n.10 nella versione completata da Deryck Cooke. Mentre quella di Simon Rattle con i Berliner Philharmoniker sembrava scolpita nel granito […] questa esecuzione, più remissiva ma profondamente ispirata, esplora la logica della musica come mai prima e fa suonare i cinque movimenti tutti d’un pezzo».

[David Patrick Stearns, The Philadelphia Inquirer, 13/04/2008]


La Pittsburgh Symphony suona un Rachmaninov fiero

«Noseda, che la settimana scorsa ci ha sorpreso con i suoi tempi velocissimi nella Nona Sinfonia di Schubert, continua ad affascinare il pubblico. Musicalmente Noseda colpisce nel segno con la profetica Sinfonia n.1 di Rachmaninov, che fu un fiasco alla sua prima esecuzione nel 1897. Il direttore ha sviluppato il motivo a quattro note della sinfonia come un’idea fissa adeguata al carattere compulsivo del compositore. In quasi ogni sua apparizione, essa usciva fuori in una linea di canto stridulo. Però la visione della struttura da parte del direttore sorregge l’interpretazione. […] Questa lettura non cercava di assecondare gli effetti dell’opera, semmai di lasciare che i temi musicali raccontassero la storia. Senza dubbio un pezzo che bisognerebbe sentire più spesso».

[Andrew Druckenbrod, Pittsburgh Post-Gazette, 04/04/2009]


«La Nona di Schubert così com’è scritta»

«L’accento musicale del direttore era assolutamente infallibile, da pieno tardo romanticismo viennese. […] Noseda ha presentato la Passacaglia con grande intuizione – con la passione attesa ma anche con una sensibilità armonica profonda. Non è andato verso una sontuosità di suono alla Richard Strauss, ma ha scelto piuttosto una trama più distinta e chiara che non mescolata di colori.
Noseda ha diretto un’esecuzione rapida del capolavoro sinfonico di Schubert. Non si tratta solo di tempi scorrevoli. Ha anche evitato tanti gesti retorici tradizionali, come per esempio rallentare alla fine del primo movimento, quando gli archi presentano il tema d’apertura per l’ultima volta. La maggior parte dei direttori rallenta per ragioni di enfasi retorica, ma Noseda ha spinto in avanti. Ha suonato la Nona di Schubert com’è stata scritta. I “più che fortissimo” non spiccavano abbastanza, am ha fatto risaltare tanti dettagli abitualmente trascurati nelle esecuzioni tradizionali.
Gustav Mahler, grande direttore d’orchestra oltre che compositore, ha detto una volta: “la tradizione è sciatta”. Arturo Toscanini ha detto: “la tradizione è l’ultima cattiva esecuzione”. Ieri sera, alla Heinz Hall, la musica era una boccata d’aria fresca».

[Mark Kanny, Pittsburgh Tribune-Review, 28/03/2009]


Un Trovatore rapido e feroce

«Nella nuova produzione del regista David McVicar al Metropolitan sorretta dal direttore Gianandrea Noseda, una regia epurata e un ritmo a rotta di collo hanno avuto la meglio sui conflitti e le emozioni feroci e fuori misura dell’opera. Il trovatore è tutto eccitazione, non delicatezza – e lo spettacolo lo ha restituito. Soprattutto, la direzione intensa ed entusiasmante di Noseda ha mantenuto questo thriller costantemente sul punto di ebollizione».

[Heidi Waleson, Wall Street Journal, Febbraio 2009]


Trovatelli, nobili e gitani di Verdi trasportati nell’epoca di Goya

«Nell’accampamento degli zingari, il famoso “Coro di zingari“ era quasi apertamente una danza, con uomini “tutto muscoli” e sudati che si dondolavano ritmicamente coordinati con i martelli metallici sulle incudini. Il direttore Gianandrea Noseda ha fatto emergere delle trame scure e una grave solennità dalla musica. Tutta la recita è stata una meraviglia continua per quanto fosse ispirata quella musica e per le profondità drammatiche cui Verdi ci conduce».

[Anthony Tommasini, The New York Times, 18/02/2009]


Noseda dirige Salome «con energia elettrica»

«La BBC Philharmonic era in forma smagliante, tutti i 107, e anche se Noseda raffinerà senza dubbio alcune parti della sua interpretazione, ha diretto il capolavoro con energia elettrica, allineando inesorabilmente una serie di punti culminanti, creando tensione negli episodi di pianissimi mozzafiato, come quello in cui Salome attende la consegna della testa di Jochanaan, e facendo fiorire la scena finale in tutta la sua apertura lirica».

[Michael Kennedy, The Sunday Telegraph, 17/02/2008]


Innamorati persi

«È una formula inusuale quella di rodare una produzione in un altro paese — e l'impegno logistico sarà stato considerevole —, ma presumibilmente la volontà di Noseda era quella di unire le sue compagini e dare a Manchester (e agli ascoltatori del terzo canale della BBC) il beneficio di questa sua doppia veste.
Era lui sicuramente il centro dell’attenzione: una figura alta e slanciata che si muoveva con passione sul podio, talvolta accovacciato per assicurare un pianissimo, talvolta saltando in aria come se fosse rapito e ossessionato quanto i personaggi del dramma».

[Paul Driver, The Sunday Times, 17/02/2008]


Entusiasmati da Strauss

«Può ancora scandalizzare la Salome di Richard Strauss, come amano pretendere i curatori di programmi di sala? In ogni caso, non in una recita in forma di concerto, come quella presentata alla Bridgewater Hall sabato scorso dalla BBC Philharmonic, con i solisti della produzione che sarà presto in scena al Teatro Regio di Torino. Il fattore unificante era il direttore, Gianandrea Noseda. Benché non scioccante, l’esecuzione era sensazionale, principalmente grazie al suono dell’orchestra e al brillante modellare della partitura di Noseda, sicché quello che spesso può sembrare, anche in forma scenica, un preludio lungo e spesso abbastanza tedioso, allo strabiliante ultimo quarto d’ora era vivo in ogni minuto, con una tensione mantenuta anche attraverso il tumulto dei litigiosi teologi ebrei e il kitsch assurdo della Danza dei sette veli».

[Michael Tanner, The Spectator, 16/02/2008]


Salome di Strauss, Noseda doma un’energia terrificante

«Noseda ha illuminato ogni particolare musicale, tirando fuori una qualità di suono di un’acuità estrema. Dopo aver lasciato uscire il mostro dalla sua gabbia, ha domato la sua energia terrificante, bilanciando botte e risposte grazie al suo scintillante lirismo, in un’esecuzione elettrizzante».

[Lynne Walker, The Independent, 13/02/2008]


Una festa "decadente" per le orecchie

«Qualcuno in sala avrebbe forse preferito che i saltelli più forsennati di Noseda fossero nascosti dalla vista, ma è stato il suo puro magnetismo ad attrarre strumentisti, cantanti e pubblico insieme per condividere la visione deliziosa e decadente di Strauss. Le scene per adulti lasciavano tutto all’immaginazione. Per la danza dei sette veli, Noseda e la BBC Philharmonic sono usciti alla ribalta con brio».

[David Fanning, Daily Telegraph, 11/02/2008]


«Una spontaneità e un temperamento meravigliosi»

«Ecco un disco magnifico. Ci sono state già delle raccolte d’eccellenza dei poemi sinfonici di Smetana (in particolare un disco storico di Kubelík) ma nessuna che possa competere con questa in esaltazione, ricchezza dei particolari e, nel caso del Campo di Wallenstein, spettacolo sonoro – come scrive bene Smetana per gli ottoni! […]
Gianandrea Noseda tira fuori dalla BBC Philharmonic una spontaneità e un temperamento meravigliosi, e gli ingegneri della Chandos si superano nella resa di un suono davvero smagliante e naturale nell’equilibrio».

[Ivan March, Gramophone, Novembre 2007]


«Non sono un creatore. Trasmetto solamente il messaggio»

«Da bambino, Giananandrea Noseda si chiedeva se i direttori d’orchestra avessero poteri soprannaturali. Suo padre, direttore di coro non professionista a Milano, lo portava regolarmente alle prove. "Ero affascinato dal fatto che, al movimento delle sue mani, il coro rispondeva e produceva il suono. Era una specie di mago per fare questo", dice Noseda gesticolando con le mani come uno stregone, come se evocasse una musica invisibile per portarla in essere.

[…] L'umiltà non è sicuramente una delle doti che si attribuirebbe a questo brillante e distinto gentiluomo, ma quando egli dirige, inequivocabilmente cogliamo il messaggio, sia quello del compositore, sia quello di Noseda. Egli possiede l'abilità di cambiare la percezione della musica stessa e questo lo rende un mago del podio».

[The Guardian, 21/09/2007]


Noseda e la sua BBC Philarmonic colgono tutta la drammaticità di Liszt, senza eccessi

«Nel Festklänge [Noseda e la BBC Philharmonic] raggiungono una sorta di senso di esultanza piuttosto che di pomposità. E non sono meno efficaci nella vasta apertura dell’Héroïde funèbre, ulteriore desolato tributo per coloro che hanno sofferto "lungo l'intero arco della vita umana" (Liszt).
Fluente ed eloquente come sempre, Noseda e la sua orchestra hanno registrato superbamente.»

[Gramophone Magazine, 07/2007]


BBC Philharmonic/Noseda

«Questo efficace concerto rientra nella serie Brahms/Schumann diretta da Gianandrea Noseda, una retrospettiva che interessa due stagioni e nella quale viene analizzata la stretta relazione tra i due compositori, giustapponendo ogni sera un concerto dell’uno con una sinfonia dell’altro.

[…] La performance di Noseda è tutta impeto e slancio, tranne nell’adagio, nel quale lunghe, cascanti frasi degli archi e vibranti ottoni ci conducono in un mondo nel quale l’euforia sprofonda nella più cupa disperazione. Meraviglioso.»

[The Guardian, 09/06/2007]


Scendere negli abissi con stile mozzafiato

«Nei cinque anni in cui è stato direttore principale della BBC Philarmonic, Gianandrea Noseda ha diretto alcuni memorabili concerti, ma sicuramente nessuno in modo più efficace di questo programma dedicato a Rachmaninov. Egli è riuscito ad imbrigliare assieme due lavori dei quali è largamente dibattuto lo status di capolavori e li ha diretti quasi come per sfidare gli scettici.

[…] Noseda ha un così sottile istinto per gli stati d’animo, le trame e lo scorrere dell’opera e una presenza così carismatica nel dirigere, che soltanto le battute conclusive sono risultate di poco inferiori al lavoro di un genio.»

[The Daily Telegraph, 14/05/2007]


Integrale delle sinfonie di Čajkovskij

«Noseda è stato sapiente nel tenere sotto controllo l’angoscia della Quarta e a non indulgere eccessivamente sull’ipersensibilità di Čajkovskij... È stato lo stesso perspicace pensiero che ha reso così rivelatrice l’esecuzione della Terza. Egli ha animato la musica, evidenziando i colori orchestrali e disegnando con bravura le linee melodiche.

[…] Entrambi i concerti hanno dimostrato il rapporto e la sinergia che Noseda è in grado di stabilire. Egli ha fatto emergere una tale lucidità del dettaglio da far risaltare tutta l’iridescenza dell’orchestrazione di Čajkovskij.»

[The Daily Telegraph, 24/05/2006]


La forza del destino al Metropolitan Opera di New York

«Noseda ha ottenuto un’esecuzione estremamente motivata da parte dell’orchestra, mantenendo vibranti le scene corali.»

[The New York Times, 22/02/2006]

«Noseda ha dato prova di una grandiosa, brillante e coinvolgente lettura dell’ouverture, impetuosa ma ordinata ed equilibrata, ottenendo dall’orchestra un suono superbamente prec iso e dettagliato.»

[Newsday, New York, 23/02/2006]


Concerto ai BBC Proms di Londra

«La BBC Philharmonic e il suo direttore, Gianandrea Noseda, hanno mostrato tutta la loro determinazione nel proporre la musica orchestrale di Liszt, spesso trascurata […]. La Faust-Symphonie è stata rivelata in tutta la sua grandezza… Noseda ha sagacemente animato ogni sezione dell’opera, facendo emergere intriganti spunti espressivi e impulso ritmico.

[…] La lunga introduzione orchestrale [del Concerto per violino di Brahms] ha di nuovo mostrato l’attenzione di Noseda per i dettagli strumentali e l’aggraziato fraseggio […]. Questa interpretazione è evidentemente frutto di una riflessione profonda, è espressiva in modo penetrante, dotata di una salda energia.»

[The Daily Telegraph, 28/08/2005]

«L’intera Faust-Symphonie è stata splendidamente diretta da Gianandrea Noseda […] ha scolpito questo poema epico-sinfonico con passione e intelligenza. C’era una tensione superba in alcune delle esplosive entrate degli archi, in modo particolare dopo la misteriosa apertura e nella fuga "morte/gloria" finale.»

[The Times, 29/08/2005]


Beethoven superstar batte McCartney-U2

«Beethoven batte gli U2 e Paul McCartney. La vittoria, a sorpresa, su internet. Le sinfonie del compositore, infatti, sono state scaricate più del duetto fra l’ex Beatles e la band di Bono al Live 8. Fonte credibilissima: l’autorevole BBC.

Per due settimane il sito della radio-tv inglese ha messo a disposizione il ciclo delle nove sinfonie del maestro eseguito a Manchester dalla BBC Philharmonic e diretto da Gianandrea Noseda. Numeri da rockstar: 1 milione 400 mila operazioni. La preferita da chi ha scaricato è stata la Sinfonia n. 6, la Pastorale…»

[Corriere della Sera, 22/07/2005]


Leggiadro Figaro senza regia

«La prima lode va conferita a Gianandrea Noseda, che dirige Le nozze di Figaro in maniera esemplare. I tempi sono rapidi, spigliati, sempre in stretta relazione drammatica l'un con l'altro; i fraseggi chiari, i recitativi curati in ogni singolo accento, i colori profilati e appropriati.»

[Corriere della Sera, 27/08/2005]


Don Giovanni in Sicilia

«La concertazione di Noseda è un capolavoro di ingegneria teatrale e asciutta concretezza drammatica. Si ha così esempio ben definito di un melodramma giunto ad esprimere il senso della vita colta nel continuo divenire psicologico e nel realismo delle sue manifestazioni.»

[L’Opera, Febbraio 2005]


Don Giovanni salvato dalle voci
Grandi interpreti, eccellente direzione di Noseda

«Il merito andrà, innanzitutto, alla direzione di Gianandrea Noseda. La sua esecuzione scorre con ritmi sostenuti, attrae per la proprietà del fraseggio, la vivacità dei contrasti e la chiarezza con cui esibisce in trasparenza la straordinaria ricchezza dell’orchestra di Mozart.»

[La Stampa, 26/01/2005]