La Scuola all’Opera

Programma per la Stagione 2016-17

Presentazione
Illustrazione di Gopi per la Scuola all'Opera 2014-2015

 

Secondo una bella pratica che vanta ormai venticinque anni di esperienza, il Teatro Regio si ripropone come luogo di didattica, di cultura e di svago per i giovani. Nel cartellone spiccano due grandi titoli di repertorio in versioni appositamente create per loro: La bohème di Giacomo Puccini e Il flauto magico di Wolfgang Amadeus Mozart, opere che raccontano il viaggio dalla giovinezza alla vita adulta, dal sogno alla realtà, dall’ingenuità alla consapevolezza. Ancora una volta l’adattamento è di Vittorio Sabadin, giornalista e scrittore che da qualche tempo si è appassionato al compito di scovare tra le pieghe dei libretti operistici i significati più profondi dell’animo umano, riuscendo a proporli ai più giovani in una maniera fresca e accattivante. Due gli appuntamenti con l’Orchestra del Teatro Regio: per il Giorno della Memoria (27 gennaio), un concerto all’insegna dell’emozione e della bellezza, in cui Roland Böer dirige pagine di Schönberg e Mendelssohn-Bartholdy, con la preziosa partecipazione del Coro del Regio e di Gabriele Lavia, artista tanto amato quanto straordinario; il 10 aprile, un omaggio ad Antonio Vivaldi con le celebri Stagioni, nell’ambito del festival a lui dedicato, accostate all’affascinante esotismo del celebre compositore argentino Astor Piazzolla, autore a sua volta di quattro Stagioni ambientate a Buenos.
A Natale, piccoli e grandicelli si cimentano col canto in carole e brani tradizionali, fra avvincenti swing e magiche melodie per la festa più attesa dell’anno, unendosi al Coro di voci bianche del Regio e del Conservatorio e al Trio jazz di Luigi Martinale. A dicembre regna anche l’incanto della fiaba con la prova integrale del balletto La bella addormentata di Pëtr Il’ič Čajkovskij, con la compagnia dello Staatsballett Berlin. Infine a marzo, al Piccolo Regio, va in scena Settestella, operina di uno dei maggiori e più prolifici compositori italiani, Azio Corghi (che nel 2017 compie 80 anni), in cui si affronta il tema della diversità e della solidarietà attraverso un racconto semplice e poetico, adatto ai più piccoli spettatori: alla stella protagonista, che cadendo sulla terra ha perso le sue sette punte, gli animali e la natura doneranno qualcosa per ridarle la forma originale.
Per i quasi quarantamila ragazzi che ogni anno entrano al Teatro Regio per visitarne la struttura, impararne la storia, assistere alle prove degli spettacoli, cimentarsi nei laboratori di canto, recitazione, scenografia e danza, vedere gli spettacoli, continuano, naturalmente, le visite guidate, i laboratori didattici e ludici, compresa la novità Viva Vivaldi!, oltre ai ben rodati e apprezzati percorsi di visita che collegano il Regio a numerose istituzioni culturali e musei di Torino e cintura, le passeggiate tra quadri e cimeli storici grazie alle quali il sapere musicale intreccia e completa gli altri saperi. E non può mancare lo storico percorso All’opera, ragazzi! che permette di assistere a tutti gli spettacoli della Stagione. Il Teatro Regio, come sempre, vi apre le porte!

 

Le attività della Scuola all’Opera 2016-17 sono realizzate in collaborazione con

   

Brochure per la Scuola dell’Infanzia e la Scuola Primaria [pdf - 1,77 Mb]

Brochure per la Scuola Secondaria di Primo e Secondo Grado [pdf - 2,12 Mb] 


Contatti

Ufficio Attività Scuola
Piazza Castello 215 - 10124 Torino 
Tel. 011.8815.209 - Fax 011.8815.214
E-mail

Orario:
Lunedì ore 10-14.30 
da martedì a venerdì ore 10-12.30 e 14.30-17
sabato chiuso