Ultimo appuntamento con la Stagione dei Concerti

Gianandrea Noseda, Sergey Galaktionov
e l’Orchestra del Regio per il grande sinfonismo russo

Teatro Regio, martedì 21 maggio 2013 ore 20.30

Martedì 21 maggio, alle ore 20.30, la Stagione de I Concerti 2012-13 si chiude con un appuntamento dedicato al grande sinfonismo russo di fine Ottocento, con l’esecuzione della Sinfonia n. 5 in mi minore op. 64 di Pëtr Il’ič Čajkovskij e della Suite de concert per violino e orchestra op. 28 di Sergej Ivanovič Taneev.
Il maestro Gianandrea Noseda, impegnato in questi giorni anche nella conduzione dell’opera di Čajkovskij Evgenij Onegin, dirige l’Orchestra del Teatro Regio e il solista Sergey Galaktionov, primo violino dell’Orchestra del Teatro Regio. Il professor Galaktionov suona un violino Giovanni Battista Guadagnini (Torino, 1772) messo a disposizione dalla Fondazione Pro Canale di Milano.
Il programma permette di mettere a confronto l’arte di un celebre compositore, Čajkovskij, e del suo allievo più dotato, Taneev, attraverso le loro pagine orchestrali. Nel 1869 Taneev era uno fra i tanti studenti di composizione di Čajkovskij, ma presto il giovane si distinse tra gli altri e intrecciò un forte rapporto di amicizia con il Maestro. La reciproca stima divenne sempre più forte: nella cerchia delle amicizie di Čajkovskij, Taneev era l’unico autorizzato (e incoraggiato) a criticare in piena libertà i lavori del maestro che, fino al 1878, era l’unica persona a conoscenza delle composizioni di Taneev. Il giovane musicista possedeva una solidissima preparazione tecnica, che lo conduceva a giudicare troppo severamente i propri lavori, e componeva in uno stile eclettico, come dimostra la sua Suite da concerto per violino e orchestra op. 28. Afferma Galaktionov, che per la Suite ha una passione dichiarata: «I primi due movimenti sono un omaggio a Bach e Beethoven, modelli formali indiscutibili. Per il resto, è evidente l’influenza di Čajkovskij e di Glinka. Nel complesso, si può dire sia un pezzo che ben rappresenta la produzione russa a cavallo tra i due secoli».
Durante la vita di Čajkovskij, Taneev non solo aveva il privilegio di criticare le creazioni del maestro, ma spesso curava le riduzioni per pianoforte dei suoi lavori orchestrali: egli produsse, ad esempio, la versione per pianoforte a quattro mani della Sinfonia n. 5. Čajkovskij compose quella sinfonia molto velocemente, tra il maggio e l’agosto del 1888, dopo un periodo di depressione e di stasi creativa: anche su quest’opera, come sulla Sinfonia n. 4, aleggia minaccioso il tema del destino, che prende forma in una sorta di motivo ricorrente lungo l’intero lavoro. Il cupo “motivo del destino” dà avvio alla sinfonia e genera altri temi importanti; nel secondo movimento interviene a piegare lo slancio della musica e nel finale si presenta in modo maggiore, trasfigurato in un tema trionfale. Il grandioso ed energico finale, nel quale non mancano episodi ampollosi e trionfalistici, sembra ribaltare il messaggio di rassegnazione che potrebbero trasmettere gli altri tre movimenti; tale contrapposizione non può essere interpretata in modo univoco, poiché dietro la sinfonia non c’è un programma vero e proprio: gli schizzi del primo movimento contengono alcune indicazioni di Čajkovskij che lasciano solo trasparire l’intenzione di rappresentare un confronto con la fatalità.
«Gianandrea Noseda – osserva Galaktionov, che vi lavora a stretto contatto da anni – non solo conosce nei dettagli questo repertorio, ma riesce a “viverlo”, il che rappresenta un valore aggiunto indiscutibile».
I Concerti 2012-13 hanno ricevuto anche quest’anno il fondamentale apporto di UniCredit, Main Partner della Filarmonica ’900 del Teatro Regio fin dalla sua nascita e de La Stampa, Media Partner.
Biglietti a € 25 (ridotti: € 20 per over 65, convenzionati e abbonati Regio; € 15 per under 30) in vendita alla Biglietteria del Teatro Regio e on line su www.vivaticket.it; vendita telefonica con carta di credito al numero 011.8815.270 (da lunedì a venerdì ore 9-12). Un’ora prima del concerto, è garantita la vendita di almeno 30 biglietti last minute a € 15. Info: Tel. 011.8815.557, su www.teatroregio.torino.it.

Torino, 8 maggio 2013
 

UFFICIO STAMPA
Teatro Regio, Direzione Comunicazione e Pubbliche Relazioni
Paola Giunti (Direttore), Sara Zago (Relazioni con la Stampa) - Telefono: +39 011 8815.233/239
ufficiostampa@teatroregio.torino.it – giunti@teatroregio.torino.it – zago@teatroregio.torino.it - www.teatroregio.torino.it