Il Coro di voci bianche del Regio e del Conservatorio

Viaggio nel repertorio della vocalità infantile

Teatro Regio, domenica 9 dicembre 2012 ore 11

Domenica 9 dicembre al Teatro Regio ore 11 i giovani artisti del Coro di voci bianche del Teatro Regio e del Conservatorio “G. Verdi” diretti dal M° Claudio Fenoglio, con la partecipazione di Andrea Secchi al pianoforte e del narratore Mauro Ginestrone, saranno protagonisti assoluti di un concerto aperitivo dal sapore natalizio.

Il repertorio di questa matinée sarà ampio ed eterogeneo spaziando da Britten a Bach, da Mozart a Carlo Galante.

Il concerto si aprirà con un «Kyrie eleison» gregoriano, «Oculus non vidit» dalle Cantiones Duarum Vocum di Orlando Di Lasso, facente parte di una raccolta di composizioni per due voci a cappella (o per due strumenti) scritta a Monaco nel 1577 durante l’ultimo periodo della carriera del compositore fiammingo. Notevole è la perizia tecnica e d’invenzione con le quali Di Lasso tratta i principi della polifonia. Gli stessi principi sui quali si formò anche Pierluigi da Palestrina, di cui ascolteremo «Pleni sunt coeli».

Il viaggio prosegue con Johann Sebastian Bach e «Denn das Gesetz des Geistes», da Jesu meine Freude BWV 227. È il più lungo e architettonicamente complesso tra i mottetti di Bach. Composto nel 1723 per una commemorazione funebre, utilizza per il testo, cinque versetti dall’ottavo capitolo della lettere di San Paolo ai Romani alternati alle sei strofe del Lied di Johann Franck su melodia di Johannes Crüger. La composizione risulta articolata in 11 sezioni, disposte secondo un ordine preciso, che utilizzano da tre a cinque parti vocali, secondo il principio della variatio per choros.

Non potevano mancare brani della tradizione operistica quali il finale dei tre genietti «Bald prangt» dal secondo atto del Flauto magico di Wolfgang Amadeus Mozart, il coro dei monelli, brillante e leggero, di «Avec la garde montante» dalla Carmen di Georges Bizet e «My, vsie zdies sabralis» dalla Dama di picche di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Di altro genere sono tre dei Sei cori per voci bianche op. 15 di Sergej Rachmaninoff (Notte, Schiavitù, L’Angelo) composti nel 1895 e ritenuti dall’autore stesso così difficili da non poter essere eseguiti da nessun bambino (…).

I piccoli cantori affronteranno poi la cantata Le Cirque volant op. 82 di Jean Absil, opera in otto parti (Entrée, Les Pumas, Les danseur de corde, L’amazone, Les clowns, Les chiens savant, La fakir, Buffalo Bill) per coro di voci bianche a due voci, narratore e pianoforte su testo di Etienne de Sadeleer, composto nel 1953. In questa raccolta pedagogica, il Circo accoglie personaggi curiosi interpretati dai bambini, come i puma, le amazzoni, il fachiro e un intero branco di animali filosofi.

Di Benjamin Britten, su testi di Walter de la Mare, si potranno ascoltare The Ride-by-Nights e Rainbow da Three Two-Part Songs, prima opera del compositore ad essere pubblicata (1932). Inizialmente conosciuta come Three Studies in Canon, fu successivamente revisionata dall’autore nello stesso anno della pubblicazione, portando alla trasposizione del primo e del terzo canto rispettivamente in sol minore e do maggiore. Furono scritti come studio accademico, affidando alla parte vocale un canone rigoroso. Come afferma Britten: «Il primo è amabilmente grottesco, mentre il secondo è ambientato in un’atmosfera lieta e distesa». L’artista inglese fu il più prolifico del suo secolo per quanto riguarda le composizioni per voci bianche.

In conclusione il «Sanctus e Benedictus» dalla Missa Puer Natus di Carlo Galante, composta nel 2002 e frutto della rielaborazione delle tecniche della musica antica, come il discanto, oltre a una forte pulsione ritmica. Definita dall’autore come una messa «arcana, ha a che fare con la magia del suono e del rito, oltre che con il mistero della nascita».

Anche quest’anno I Concerti Aperitivo sono realizzati con il sostegno di una Fondazione Privata. Alla fine del concerto, nel Foyer del Toro, aperitivo offerto da Sylla Sebaste di Barolo e da Saclà.

Il costo dei biglietti è di € 12 (ridotto under 14: € 6), in vendita alla Biglietteria del Teatro Regio, online su www.vivaticket.it e con carta di credito al n. 011.8815.270 (da lunedì a venerdì ore 9-12). Un’ora prima dell’inizio del concerto è garantita la vendita di almeno 30 biglietti. Info al tel. 011.8815.557 e su www.teatroregio.torino.it.

Il prossimo appuntamento con I Concerti Aperitivo è al Piccolo Regio il 20 gennaio con il Quintetto Prestige: in programma, musiche di Mozart, Bizet, Zemlisky, Brahms e Rossini.

Torino, 28 novembre 2012

UFFICIO STAMPA
Teatro Regio, Direzione Comunicazione e Pubbliche Relazioni
Paola Giunti (Direttore), Sara Zago (Relazioni con la Stampa) - Telefono: +39 011 8815.233/239- ufficiostampa@teatroregio.torino.it – giunti@teatroregio.torino.it – zago@teatroregio.torino.it - www.teatroregio.torino.it