Il barbiere di Siviglia

Il sorriso di Rossini in scena al Regio di Torino

Teatro Regio, giovedì 7 novembre 2013 ore 20

Dopo l’omaggio a Giuseppe Verdi per le celebrazioni del secondo centenario della nascita, diamo spazio a un altro grande protagonista della storia dell’opera: Gioachino Rossini. Dalle atmosfere politiche e sociologiche indagate con Simon Boccanegra, Rigoletto e La traviata, si passa alla luce mediterranea e solare de Il barbiere di Siviglia: otto recite dal 7al 17 novembre.
Giovedì 7 novembre alle ore 20 va in scena la prima dell’opera rossiniana nell’allestimento realizzato, nel 2000, dai Laboratori di scenografia del Teatro Regio che, nella più alta tradizione scenografica italiana, hanno ricreato con tele dipinte e impianti lignei, gli azulejos dell’Andalusia, le tradizionali ceramiche bianche e blu di Siviglia. La regia è di Vittorio Borrelli; le scene e i costumi sono stati ideati da Luisa Spinatelli, mentre le luci sono di Andrea Anfossi.
Gioachino Rossini compose Il barbiere di Siviglia a 24 anni, lasciando però il segno indelebile nel campo dell’opera buffa. Proprio quella freschezza e giovialità, tipici della gioventù, inondano la partitura del compositore. Sul podio dell’Orchestra del Teatro Regio torna Alessandro De Marchi, grande esperto di musica barocca e acuto interprete di Rossini, il compositore che più ha diretto nel corso della sua carriera. La sua interpretazione sarà un perfetto equilibro tra originalità e tradizione, un lavoro volto a creare un contesto estetico netto, che il maestro De Marchi ben conosce dopo anni di frequentazione del patrimonio musicale europeo del XVII e XVIII secolo. Il Coro del Teatro Regio è preparato dal maestro Claudio Fenoglio.
Il cast annovera grandi cantanti che hanno dato superbe prove nel repertorio rossiniano. Il conte d’Almaviva è il tenore Antonino Siragusa, Don Bartolo è interpretato con la solita verve comica da Paolo Bordogna, il mezzosoprano Laura Polverelli interpreta, con quel tocco di ingenuità misto a malizia, Rosina. Il celeberrimo Figaro è, in questa produzione, il baritono Vito Priante, fine interprete mozartiano che ha già dato prova di interpretare il linguaggio rossiniano alla perfezione; il basso Nicola Ulivieri veste i panni dell’esilarante Basilio, il maestro di musica di Rosina, nonché alter-ego dello stesso Rossini; completano il cast Ryan Milstead (Fiorello), Giovanna Donadini (Berta), Antonio Sarasso (Ambrogio) e Franco Rizzo (un ufficiale, in alternanza a Riccardo Mattiotto). Nelle recite del 9, 12 e 16 novembre, protagonisti del capolavoro buffo saranno Francesco Marsiglia (il conte d’Almaviva), Marco Filippo Romano (Don Bartolo), Chiara Amarù (Rosina), Domenico Balzani (Figaro) e Abramo Rosalen (Don Basilio).
La prima dell’opera sarà trasmessa in diretta da Rai-Radio3 giovedì 7 novembre alle ore 20. Il barbiere di Siviglia sarà presentato al pubblico da Paolo Gallarati nell’Incontro con l’Opera che si terrà al Piccolo Regio Puccini mercoledì 6 novembre alle ore 17.30. Come di consueto si potrà seguire il backstage, nonché scoprire divertenti curiosità sugli interpreti e l’allestimento seguendo le Pillole di Passione di Paola Giunti sul sito del Regio.
Biglietteria del Teatro Regio, piazza Castello 215 - Tel. 011.8815.241/242 - e-mail: biglietteria@teatroregio.torino.it - Info: tel. 011.8815.557

Torino, 25 ottobre 2013

Ufficio Stampa
Teatro Regio, Direzione Comunicazione e Pubbliche Relazioni
Paola Giunti (Direttore), Sara Zago (Relazioni con la Stampa)
Telefono:+390118815233– 011. 8815239 - emaill: ufficiostampa@teatroregio.torino.it – giunti@teatroregio.torino.it – zago@teatroregio.torino.it